Un problema diffusissimo, quello degli zaini scolastici pesanti e nocivi alla salute degli studenti.

Perciò abbiamo ritenuto opportuno pubblicare questo articolo tratto da La Gazzetta dello Sport, in quanto fornisce utili indicazioni per alleviare se non risolvere del tutto il problema.

Secondo gli esperti il dolore alla schiena provocato dallo zaino in età scolare è in netto aumento (femmine più dei maschi). Soluzione ideale: indossarlo su entrambe le spalle e non caricarlo oltre il 10% del peso corporeo.

Possono davvero fare danni? Possono causare scoliosi, mal di schiena e altre varie patologie più o meno gravi alle colonne dei ragazzi?

Preoccupazioni legittime, alla luce delle nuove conoscenze scientifiche internazionali.

ZAINETTO E COLONNA — La colonna vertebrale, un sistema particolarmente complesso composto da muscoli, ossa e articolazioni, è in grado, nonostante la sua apparente delicatezza, di sopportare carichi elevatissimi. Ma questo accade solo quando lo sviluppo corporeo si è già ultimato e, per altro, in maniera corretta. I bambini, ma soprattutto gli adolescenti che attraversano una fase della vita in cui l’organismo cresce molto rapidamente, non hanno ancora quell’adeguata tonicità che può permettere loro di sostenere senza alcuna conseguenza uno zaino particolarmente pesante.

L’eccessivo carico, nonché la posizione in avanti del collo, tipica di chi sostiene un peso sulle spalle, possono effettivamente accentuare i dolori alla schiena dovuti a contratture muscolari, ma solo in chi è già predisposto. Tant’è che il dolore si può presentare fin da quando il bambino è molto piccolo, diciamo anche sei anni di età, a causa però di posizioni scorrette assunte nel corso della giornata e mantenute per molte ore, nonché della scarsa attività motoria e sportiva praticate, per cui si afflosciano sullo scheletro.

Il momento di maggior rischio è all’inizio della scuola media inferiore, quando le richieste scolastiche aumentano ed i ragazzi si ritrovano ad indossare quotidianamente zaini che pesano oltre il 20% del loro peso corporeo, con punte settimanali addirittura del 30%.

Sta di fatto comunque che da molte ricerche risulta che il dolore alla schiena e alle spalle in età scolare è in netto aumento (in Italia oltre il 60% dei ragazzi ne ha sofferto almeno una volta), che questa frequenza aumenta con l’innalzarsi dell’età (ad esempio a 13 anni rispetto a 11), che le femmine ne sono più colpite rispetto ai maschi.

ZANIETTO E SCOLIOSI — Una delle maggiori apprensioni dei genitori è quella di vedere i propri figli divenire scoliotici a causa di zaini troppo pesanti. Ebbene, tutti gli studi più recenti lo escludono. La scoliosi è una patologia di origine genetica, derivante da una predisposizione individuale e familiare, che consiste in una ritardata maturazione di alcuni centri nervosi adibiti a controllare la postura. E’ una malattia subdola perché si instaura senza provocare alcun dolore e deforma la colonna vertebrale proprio nel periodo dello sviluppo. La si può riconoscere quando si nota una spalla più alta dell’altra e la presenza di un gibbo nel momento in cui si flette il busto in avanti. Un carico eccessivo può scatenare il mal di schiena legato alla presenza di una scoliosi già diagnosticata oppure non ancora individuata, ma in nessun caso può esserne la causa primaria.

 

ZAINETTO IDEALE — Nella scelta dello zaino è utile seguire alcune regole senza farsi coinvolgere dalla moda del momento:

– non deve essere troppo grande, ma proporzionato alle caratteristiche fisiche del ragazzo: il carico deve essere proporzionato all’età e alla corporatura e non deve superare all’incirca il 10% del suo peso corporeo,

– deve avere uno schienale rigido per evitare un accumulo del peso verso il basso;

le bretelle devono essere ben imbottite, regolabili e larghe in modo da potere distribuire in modo omogeneo il carico su entrambe le spalle;

– deve avere una maniglia per poterlo portare a mano quando si è stanchi.

– deve avere una cintura laterale di fissaggio addominale in modo da far aderire lo zaino allo colonna vertebrale che così rimane dritta.

 

COME INDOSSARLO — Per evitare traumi alla schiena è bene indossare lo zaino in modo corretto.

Innanzitutto, deve essere infilato utilizzando contemporaneamente entrambe le bretelle, che devono essere regolate in modo che una spalla non pesi più dell’altra e che, per non incurvare la schiena, la parte inferiore dello zainetto non oltrepassi la linea delle anche.

Si deve sempre utilizzare la cintura di fissaggio addominale in modo fa fare aderire perfettamente lo zaino alla schiena. Per indossarlo, poi, è bene piegare le ginocchia, e non la schiena, appoggiandolo su un banco o su un tavolo.

 

COME SI RIEMPIE — Premettendo che è bene portare a scuola solo le cose utili, detto ciò bisogna iniziare a riempirlo partendo dallo schienale con i libri più grandi e pesanti e proseguendo con libri, vocabolari e quaderni di dimensioni minori.

Destinare le eventuali tasche accessorie esterne agli oggetti più leggeri e fare in modo che il contenuto rimanga compatto, in modo tale da non spostarsi mentre ci si muove.

 

Mabel Bocchi