mapri2Grazie all’iniziativa In_Chiostri gli alunni delle classi V B e V D della don Milani stamattina, giovedì 6 ottobre, trascorrono due ore della loro giornata scolastica presso il Museo Ribezzo di piazza Duomo: dalle 10 alle 12.

“E’ un momento senz’altro entusiasmante per i nostri alunni”, dichiarano le docenti della V B Anna Lucia Ancona e Loredana Faggiano. “Inoltre rappresenta una valida opportunità per ampliare le conoscenze storiche della nostra città riferite al periodo della Preistoria. Un ringraziamento particolare alla nostra Dirigente, sempre attenta a offrirci l’opportunità di partecipare a originali e costruttive iniziative nell’ambito del territorio”.
L’Istituto Comprensivo Santa Chiara infatti, della Dirigente Scolastica Elvira D’Alò, rappresenta uno degli organi che collaborano alla realizzazione dell’iniziativa In-Chiostri che ritorna il 6 e 7 ottobre 2016.

“Ho colto con entusiasmo l’opportunità di prendere parte con la mia classe a questa iniziativa mattutina di giovedì 6 ottobre presso il Museo Archeologico Provinciale Francesco Ribezzo di Brindisi, perché credo sia un ottimo modo per conoscere la nostra regione da un punto di vista storico-archeologico e per fare avvicinare i bambini all’esplorazione di un territorio, a loro altrimenti sconosciuto, con strumenti digitali, ormai entrati nel loro uso quotidiano. Apprendere divertendosi è il metodo più efficace e semplice per rendere interessante e proficua un’uscita didattica. Sono sicura che questa esperienza stimolerà l’interesse dei bambini verso questa materia e mi auguro che riescano a coinvolgere le loro famiglie a prendere parte agli altri eventi previsti dalla manifestazione”, è l’opinione di Annamaria Palmisano, insegnante della classe V D.

Pieni di entusiasmo gli interventi degli scolari: “Mi aspetto di vedere un bellissimo fimato su Brindisi nella Preistoria”: testimonia l’alunna Francesca Galluzzo, della classe V B. “E’ divertente usare un tablet e i Lego per costruire un robot. Mi aspetto di vedere un dinosauro T-REY”, aggiunge la sua compagna Giulia Pinto, anche lei affascinata dall’idea di creare un robot con i Lego e il tablet. Esperienza che è impaziente di fare pure Gaia De Blasi. Un’altra loro compagna di classe Carlotta Melpignano afferma: “Mi aspetto di vedere oggetti antichi ritrovati, un bel filmato, avere notizie nuove su argomenti che abbiamo già studiato. Sono sicura che mi piacerà perché amo la storia”.

“Non vedo l’ora di andarci”, sorride Alice Perchinenna che si è fatta spiegare per filo e per segno dal suo papà – che è addentro alla materia – in cosa consiste l’iniziativa. E dunque si fa portavoce ai compagni della V B: “Come ci ha detto anche la nostra maestra durante la prima ora ci parlano di Brindisi nella Preistoria e forse ci fanno vedere proiezioni di dinosauri enormi, ci mostrano fossili, poi saremo impegnati nell’attività chiamata ‘Digital playtime’ con le costruzioni e il tablet. Ogni volta che vado al museo scopro cose nuove”.

Matteo Antonazzo conferma: “La maestra ci ha illustrato il programma, credo che dopo queste attività avrò imparato molte cose nuove”.

Della stessa opinione sono Federico Pedone e Cristian Cucinelli, quest’ultimo ritiene che nel caso in cui dovessero vedere le tracce degli uomini primitivi che sono stati a Brindisi “sarà un’emozione unica, irripetibile, indimenticabile”.

“Non vediamo l’ora di ascoltare le guide mentre ci spiegano la storia di Brindisi ai tempi della preistoria con video e foto. Sarebbe bellissimo poter giocare a un gioco in cui possiamo crescere e prenderci cura del nostro piccolo dinosauro”, è il coro di Marta Russo, Ylenia Passerini e Lara Fisiola, della classe V D.

“Vorremmo che al museo si potesse giocare con dei tablet educativi, immaginando la vita dei dinosauri e costruire un mini-esemplare di T-Rex”, aggiungono le compagne di classe Chiara Salerno e Aurora Caroli.
“Ci saranno tante sale diverse: una con molti fossili da osservare, una con un dinosauro robot e una con uno scheletro gigante”, sono ben informate Alessia Membola, Daniele De Giorgi e Giulia Landolfa.

“Ci piacerebbe vedere un breve film intitolato ‘Vita da Dinosauri'” dicono Emanuele Pignatelli e Iacopo Raho.

“Immaginiamo di trovare dei Triceratopi e Velociraptor giocattolo telecomandabili da poter far combattere fra di loro” sorridono Michele Allegrini, Thomas Manzone e Matteo Leone.

“Ci aspettiamo di trovare delle costruzioni Lego con i mattoncini adatti a creare tutti i vari tipi di dinosauri” è l’augurio di  Marzia Carbonella e Noemi Caroli.

“Non vediamo l’ora di andare al museo, siamo certe che trascorreremo una bellissima giornata! Conoscere i dinosauri sarà un’esperienza unica”, prevedono Vanessa Foti e Rebecca Cordella.
“Ci divertiremo tantissimo a costruire con i Lego dinosauri creati da noi, dei nostri colori e forme preferiti”, aspettano con ansia Francesco Battista, Azzurra Solimeno e Arianna De Leonardis.

“Sarà interessante ascoltare le guide che ci parlano dei dinosauri che vivevano in Puglia”, dicono Manuel Mellone, Francesca Di Coste e Chiara D’Orta.

Si augurano infine di poter giocare a Dragon Mania Legends, un gioco che parla di dinosauri e draghi, Fabrizio Milo e Lorenzo Parisi.

Buon divertimento allora stamattina, scolari di V B e V D.