Francesca Noce e Marzia Carbonella, della classe I D della Pacuvio, guidate dalle docenti Rosanna Calogiuri e Amelia Carluccio, vincono il primo premio del concorso letterario d’arte e cultura La spiga d’argento sul tema “L’ascolto attivo empatico”.

È il primo anno che il nostro Istituto partecipa al concorso organizzato dall’Anspi, Associazione Nazionale San Paolo Italia, Comitato Zonale Nocera Inferiore – Sarno – Sorrento – Castellammare di Stabia.

Ha gareggiato nelle sezioni poesia in dialetto e arti figurative.

“Al di là del riconoscimento e del fatto che siamo in lizza anche per il buono di 500 euro che andrebbe all’Istituto è stato interessante affrontare la tematica del concorso, che non era semplice da spiegare a ragazzi di prima media, ma ci siamo riusciti” dichiara la prof Amelia Carluccio.

Cori…recchie…lampare                                                  (dialetto brindisino)

 

Lu Signori te’ ddatu do’ recchie grandi grandi,

cu mi senti e poi cu mi ddummandi.

L’uecchi ‘ntra l’uecchi, la manu mai mi lassi,

sacciu ca pensi “ amicu mia ce sta passi?”.

Mai cu mi dici “na’ stu pappasali” oppuru “piccatu!”.

Mai cu mi sentu di tei sciuticatu.

Na cosa strana succedi chianu chianu,

quasi quasi ca tengu li travveculi,

mi ballunu dinanti li carrattuli.

Ti vesciu ‘ntra li rrobbi mia traseri,

scarpi, casuni, casetti …e dalla camisa li ‘rrazzi tua asseri.

Li panni mia mo’ so puru tua

e lu stessu,  iu so’ iu e tui si’ tui

ma sta ‘mpassescu frati mia?

Nossignori! Beddu, si cussi’ bravu cu mi capesci

ca all’uecchi di ll’anima ogne diffirenza sparesci.

Allora, cusì sottarazzi sciamu

e anziemi ‘na soluzioni truvamu.

Parla parlandu

li pinzieri ‘nchiuppati si vannu llintandu.

E’ comu la fatia ca faci lu piscatori:

li pinzieri, ‘zziccati alla reti di li paroli, zumpane ddaffori.

Mo’ li vesciu ddai, unu unu dinnanti,

‘nfilati, ordinati, luccicanti.

Na’lampara ‘ntra lu mari scuru dell’emozioni mia

lu Cori tua è statu, ca megghiu di ‘na recchia sente, amicu mia.

 

P.S.  A ci sta posa l’occhi sobbra stu scrittu

Ancora quarche ricu e poi va spicciu.

Ntra li bisuegni nuestri lu chiù cruessu

Eti la cumprensione, mo’ vi cunfessu.

Nu ricalu putia fare all’ommu l’evoluzione:

n’organu fondamentale ca iu CUORECCHIO n’ci dia pì nome.

Comu nu wi fi pi dintra e fori ava funzionari

Comu  ‘na reti di cori e recchie ava creari.

E tuttu quistu poi ci lu va ‘mpiccia

Ci no la scienza ‘nfusa ca mai ata spiccia.

E cu sta bricciula di fantasia

mo mintu puntu a sta poesia.

 

 

 

Cuori…orecchie…lampare

 

Il Signore ti ha dato due orecchie grandi grandi,

per ascoltarmi e poi per farmi domande.

Gli occhi negli occhi, la mano mai mi lasci,

so che pensi “amico mio cosa ti sta accadendo?”.

Non mi dici mai “che stupido” oppure “poveretto!”.

Non mi sento mai da te giudicato.

Pian piano accade una cosa strana,

quasi quasi ho le visioni,

mi ballano davanti le cianfrusaglie.

Ti vedo nei miei panni entrare

Scarpe, pantaloni, calze…e dalla camicia le tue braccia uscire.

I miei panni adesso sono anche tuoi

Eppure io sono sempre io e tu sei sempre tu,

ma sto impazzendo, fratello mio?

Nossignore! Caro, sei così bravo a comprendermi

Che agli occhi dell’anima ogni differenza scompare.

Allora, così sottobraccio andiamo

E insieme una soluzione troviamo.

Parlando parlando

I pensieri aggrovigliati si vanno sbrogliando.

E’ come il lavoro che fa il pescatore:

i pensieri, presi nella rete delle parole, saltano fuori

e adesso li vedo lì, uno per uno, davanti

in fila, ordinati, luccicanti.

Una lampara nel mare scuro delle mie emozioni

Il tuo cuore è stato, chè meglio di un orecchio sente, amico mio.

 

P.S.

A chi sta posando gli occhi su questo scritto

Ancora qualche rigo e poi finisco.

Tra i nostri bisogni quello più grande

è essere compresi, adesso ve lo dico.

Un regalo potrebbe fare all’uomo l’evoluzione:

un organo fondamentale a cui io “Cuorecchio” darei per nome.

Come un wi-fi per dentro e fuori deve funzionare.

Come una rete di cuori e orecchie deve creare.

E tutto questo poi chi lo accende

se non l’intelligenza che non deve mai mancare.

E con queste briciole di fantasia

Adesso metto il punto a questa poesia.

 

Francesca Noce e Marzia Carbonella